Home » Articoli Ching & Coaching » Benessere » È davvero tutto collegato?

È davvero tutto collegato?

È davvero tutto collegato? - Ching & Coaching

Sempre più frequentemente sentiamo dire che “tutto è collegato”. È vero? Non lo so con certezza, ma io penso di sì.

Ogni tanto si legge, o si sente dire, che tutto è collegato. Molti ritengono che questa idea sia nata a seguito degli studi di fisica quantistica, e che il concetto sia stato sviluppato verso la fine del secolo scorso.

Ecco, questo è … impreciso. Perché il concetto che tutto è collegato è presente nella Cabala, testo ebraico risalente ad alcune migliaia di anni fa. E lo stesso principio di fluidità e collegamento costante tra diversi avvenimenti o persone è sostanzialmente contenuto nell’I Ching, e anche nei Tarocchi.

Tuttavia l’I Ching (e i Tarocchi) riflettono principalmente sui collegamenti che si verificano tra avvenimenti, regolando, sebbene il termine sia impreciso, la vita delle persone.

La Cabala parla invece apertamente di collegamenti tra le persone, e ne dà una spiegazione che sembra quasi una favola. E noi sappiamo bene quanto le favole siano significative.

Yehuda Berg, uno dei massimi studiosi attuali della Kabbalah, e uno splendido divulgatore, ci trasmette il racconto:

Adamo era una creatura bella ed in espansione, formata da Luce e materia e che ciascuno di noi una volta era parte di quel tutt'uno. Quelli di noi che sono bravi ad usare le mani hanno avuto origine dalle scintille che formavano le mani di Adamo e coloro che sanno ballare o correre la maratona vengono dai piedi di Adamo. E coloro che sono intellettuali? Vengono dalla mente di Adamo...e così via.

Quando sappiamo questo, diventa evidente che ci sono migliaia di persone che non abbiamo mai incontrato - e che probabilmente non incontreremo mai, che sono connesse con noi a livello dell'anima. Abbiamo un'influenza su di loro e anche loro influenzano noi su base quotidiana. Per esempio, se perdo la pazienza, ciò avrà un'influenza diretta su ciascuna persona la cui anima sia connessa alla mia.

Prima di tutto, aiuta sapere che quando siamo improvvisamente più irritabili del solito quei sentimenti e quei pensieri potrebbero in realtà non essere i nostri e che sta a noi scegliere se abbandonarci ad essi o compiere una scelta maggiormente proattiva. Il secondo grande segreto è che nello scegliere di combattere quella negatività, automaticamente innalziamo l'intera umanità. “

Questo spiega anche facilmente le affinità, le coincidenze, le persone che ci appaiono così affini e vicine, anche se non le abbiamo mai viste prima.

Per quanto contenuto in un testo afferente ad una religione, il concetto non è prettamente religioso: i più recenti studi di fisica dimostrano qualcosa di molto simile, strettamente affine.

Sì, tutto è collegato, ed io ci credo. Ci credo perché crederci appaga la mia ragione e il mio intuito, quindi ci credo con i due emisferi cerebrali, il mio cervello, il mio cuore e la mia pancia, e già questo è appagante.

Pubblicità