Home » Articoli Ching & Coaching » Benessere » Libertà vo’ cercando …

Libertà vo’ cercando …

Libertà vo’ cercando … - Ching & Coaching

Perdonate l’incipit dantesco, reminescenza scolastica … Le mie riflessioni, oggi, sono sulla libertà.

Quando si parla di valori, di cose che riteniamo davvero importanti nella vita, la libertà è sempre uno dei primi citati, ed è quasi sempre ai primi posti delle nostra personale gerarchia.

Eppure … ho qualche dubbio che questa affermazione corrisponda alla realtà. Definire cos’è la libertà è davvero molto difficile e ovviamente molto soggettivo.

Certo, è più facile descrivere la libertà come fece Dante: lui parlava di una libertà fisica, politica e religiosa per cui vale la pena morire. La stessa libertà che cercano coloro che vivono in condizioni di costrizione, di dittatura.

Eppure se solo questa fosse la libertà, coloro che vivono in uno stato democratico, con libertà di parola e di religione, dovrebbero ritenersi pienamente soddisfatti.

E poi spesso ho l’impressione che molti di quelli che propugnano la libertà non la stiano davvero cercando o coltivando.

Gaber diceva “libertà è partecipazione”. Condivido. Ma è un altro parametro legato a libertà di tipo civile e sociale: fondamentale, ma non l’unica forma di libertà.

La crisi economica, la perdita del lavoro, vivere alle soglie della povertà, sono tutte condizioni che limitano pesantemente la libertà.

Ma poi c’è la forma che secondo me è la peggiore: l’auto limitazione della libertà di pensiero. Sì, perché nessuno può imporci la schiavitù del pensiero se noi non siamo complici. Eppure un’infinità di persone ripete la più triste frase del mondo: “non avevo scelta” sottintendendo che l’educazione, le convinzioni, i pregiudizi e le abitudini li hanno condizionato a non vedere percorsi possibili al di là di quelli verso cui sono stati orientati. Non avevo scelta implica il terrore dell’ignoto, il panico di andare fuori dagli schemi consueti, significa essersi negati la libertà di pensare a soluzioni alternative, fantasiose, anche se difficili.

E forse questa è davvero la cosa più triste che può accaderci nella vita.

Pubblicità