Home » L'I Ching » Esagrammi » Esagramma 21. SCÏ HO – Il morso che spezza

Esagramma 21. SCÏ HO – Il morso che spezza

Esagramma 21. SCÏ HO – Il morso che spezza - Ching & Coaching

Il morso che spezza ha riuscita. / Propizio è dar corso alla legge.

Non si può procedere: c’è un ostacolo. Non c’è modo di aggirarlo, allontanarlo. Procrastinare è controproducente.

L’esagramma stesso rappresenta una bocca che non può chiudersi perché fra le arcate dentarie si frappone un ostacolo. Ma in questa situazione non ci si può neanche nutrire: l’unica soluzione è quella di mordere, spezzare l’ostacolo, e procedere.

Per eliminare l’ostacolo è persino opportuno rivolgersi alla legge, ma ricordate che si fa riferimento al processo penale, il più duro e pericoloso. Il segno parla anche di giustizia: le pene devono essere stabilite in maniera saggia, come consolidamento delle leggi, ma devono essere applicate: l’esagramma 21 è quello che rappresenta un severo monito sulla certezza della pena, che deve esserci affinché ci sia vera giustizia.

Nella vita, privata o lavorativa, il morso che spezza indica l’opportunità di agire per spezzare qualcosa, e di agire rapidamente. In altri esagrammi l’I Ching suggerisce riflessione, in altri esagrammi suggerisce l’azione solo dopo averne attentamente valutato le modalità e studiandone altrettanto attentamente le conseguenze.

Il segno parla di tuono e fulmine: non c’è più tempo per pensare, riflettere, tergiversare, ritardare l’azione: si farebbe solo danno. Il richiamo è alle decisioni già prese di cui non si vuole prendere coscienza, a ciò di cui si è consapevoli e non si ha il coraggio di mettere in atto. C’è già stata la riflessione, il cambiamento è già avvenuto interiormente. Ora si tratta “solo” di spezzare l’ostacolo, riconoscere la realtà, esserne consapevoli e agire. Subito.

Pubblicità