Home » L'I Ching » Esagrammi » Esagramma 49. KO – Il sovvertimento (LA MUDA)

Esagramma 49. KO – Il sovvertimento (LA MUDA)

Esagramma 49. KO – Il sovvertimento (LA MUDA) - Ching & Coaching

Il lago sopra, il fuoco sotto. Il lago potrebbe spegnere il fuoco, o il fuoco distruggere il lago. In tempi straordinari, si richiede un cambiamento straordinario.

L’I Ching è il libro dei mutamenti, eppure di solito invita a piccoli cambiamenti, o indica aggiustamenti da praticare per ottenere i risultati, o strategie da seguire. Non in questo esagramma, che secondo alcune traduzioni viene chiamato anche “la rivoluzione”. Trovo comunque significativo il termine “muda”, specifico per indicare il cambiamento di pelle dei serpenti, o di piumaggio per i volatili.

Cambiamenti radicali come quello indicato nell’esagramma 49 sono rari, sia per gli individui che per la società, vanno fatti con estrema cautela e solo quando si rendono assolutamente necessari.

L’I Ching, spesso orientato a guidare principi e governanti, insiste molto sulla cautela necessaria per fare una rivoluzione, che deve avere l’appoggio del popolo, essere attentamente studiata e con un esatto calcolo dei tempi.

In tutti i testi di lettura dell’I Ching questo esagramma è spiegato molto chiaramente, non è difficile comprenderne l’interpretazione quando esce come responso.

Per questo a me preme porre l’attenzione su quanto non è scritto così chiaramente, e viene spesso sottovalutato dalle persone.

Quando esce l’esagramma 49 sono necessari grandi cambiamenti: è la vita stessa che stabilisce il momento.

Molti pensano che cambiare lavoro, città, partner, … sia sufficiente per seguire le indicazioni di questo segno, ma non è sempre vero (in realtà non è quasi mai vero!)

I veri cambiamenti sono quelli interiori: comportamenti, abitudini, convinzioni, modelli mentali.

Nessun individuo potrà mai fare la sua rivoluzione senza “mangiare un’idea”, come dice Giorgio Gaber in una sua canzone. Tutti conosciamo qualcuno che è passato da un partner all’altro, scegliendo sempre persone con le stesse caratteristiche e finendo inevitabilmente in nuovi rapporti fallimentari come i precedenti, a molti è capitato di cambiare lavoro, o città, o amici, e ritrovarsi poco dopo esattamente con le stesse, identiche situazioni.

La vera scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel vederli con nuovi occhi. Marcel Proust 

L’unica vera rivoluzione personale è quella interiore, che richiede tempo, pazienza, costanza. Talvolta è indispensabile, e va affrontata valutando bene cosa si vuole, come si desidera cambiare, calcolare i tempi, perseguire il cambiamento. Ciò che chiamiamo “carattere” è quasi totalmente frutto di abitudini, educazione, apprendimento, e come tale può essere cambiato radicalmente. Basta volerlo. Quando è utile e necessario.

Ma ricordate: se alla vostra domanda la risposta ha coinvolto l’esagramma 49 dovete guardarvi profondamente dentro: il destino non si accontenterà di piccoli cambiamenti superficiali.

Pubblicità