Pazienza

Pazienza - Ching & Coaching

Pazienza: virtù femminile

Più che un’energia femminile, da abbinare e contrapporre ad un’energia maschile, la pazienza è da secoli indicata come una virtù femminile. Certo è strettamente correlata ad altri valori che abbiamo esaminato, o di cui parleremo: la pazienza riguarda l’interiorità,  l’ascolto, le piccole cose, …

Ma la pazienza è anche correlabile con l’accoglienza e l’innovazione: ci vuole pazienza per attendere nove mesi, e ci vuole profonda capacità di innovazione per costruire dentro di sé una nuova vita.

Mai come di questi tempi la pazienza è stata bistrattata, allontanata dalle nostre vite.

Non abbiamo neanche più la pazienza di attendere un nuovo raccolto, e la stagione giusta, per gustare il nostro cibo preferito: meglio acquistare ciliegie provenienti dal Cile!

Si apprende “on the job”, si mettono a punto le novità dopo averle lanciate sul mercato e averle immesse in commercio, si desidera tutto e subito, perché se aspetti ciò che hai desiderato è diventato obsoleto, sorpassato da altre novità. Inutile coltivare i desideri: cogli l’attimo!

È cambiato il mondo, e lo stile di vita. È dunque giunto il momento di eliminare la pazienza?

Io credo di no. Credo che la pazienza sia ancora indispensabile per costruire, credo che esista ancora quel tempo di elaborazione e maturazione delle idee, delle persone, degli eventi che richiede pazienza. E credo che la pazienza sia un elemento essenziale della tolleranza, e dell’amore.

Purtroppo il sentire comune confonde la pazienza con “il non far nulla”, e questo sì che nasce da una visione maschilista del mondo … quando gli uomini partivano in battaglia per la conquista e le donne a casa, in paziente attesa. Paziente: sì, ma non certo inattiva. Chi governava le terre, curava i raccolti, mandava avanti i castelli, cresceva i figli?

Diamo spazio ad una pazienza attiva e costruttiva, e usiamola per crearci un mondo in cui sia bello vivere!

Pubblicità